Il prezzo del Bitcoin aumenta del 5% a 13,5 mila dollari poco dopo l’annuncio dello stimolo della BCE

Il prezzo della Bitcoin è passato da 12.920 a 13.600 dollari nelle ore successive alla dichiarazione della Banca Centrale Europea e ai dati ottimistici sull’occupazione negli Stati Uniti.

Il prezzo del Bitcoin (BTC) è aumentato da 12.920 dollari a 13.600 dollari in quattro ore, registrando un rally del 5%. La tendenza al rialzo coincide con gli sviluppi positivi della Banca Centrale Europea, o BCE, e i dati ottimistici sull’occupazione dagli Stati Uniti.
Grafico BTC/USD a 1 ora.

I fattori macro favoriscono il rally Bitcoin

Nel corso dell’ultima settimana, BTC si è costantemente ripresa nonostante i fattori macroeconomici negativi. Il mercato azionario statunitense era in forte calo, e il numero di casi di COVID-19 negli Stati Uniti e in Europa è aumentato notevolmente.

La percezione di Bitcoin come un bene rifugio sicuro si sta notevolmente rafforzando a causa dell’aumento della domanda istituzionale. Ma quando gli asset a rischio, come le azioni, sono in calo, potrebbero esercitare una pressione indiretta su BTC.

In questo modo, quando le azioni si riprendono e gli asset di rischio prosperano, le prospettive a breve termine per il prezzo del Bitcoin migliorano.

Il 29 ottobre si sono verificati diversi eventi che hanno causato un aumento delle attività di rischio. In primo luogo, la BCE ha dichiarato che potrebbe cercare un nuovo pacchetto di stimoli a dicembre. In secondo luogo, i dati sull’occupazione negli Stati Uniti riflettono le più basse richieste settimanali dall’inizio della pandemia di coronavirus.

Un secondo pacchetto di stimolo in Europa raggiunge due obiettivi. In primo luogo, aumenterebbe in modo massiccio l’appetito per le attività di rischio in Europa. Allo stesso tempo, farebbe pressione sugli Stati Uniti per ottenere un accordo di stimolo di cui c’è molto bisogno.

Dal momento che il presidente degli Stati Uniti Donald Trump ha chiarito la sua posizione sul fatto che un pacchetto di stimoli verrà dopo le elezioni, questo pone gli Stati Uniti di fronte ad un accordo di stimolo per il mese di dicembre.

La BCE ha detto che prenderà in considerazione tutte le possibilità per assicurare la sostenibilità dell’economia. Questo va a vantaggio di Bitcoin, dell’oro e delle azioni, come dimostra il prezzo di BTC. La BCE ha detto:

“Il Consiglio direttivo valuterà attentamente le informazioni in arrivo, comprese le dinamiche della pandemia, le prospettive di un lancio di vaccini e gli sviluppi del tasso di cambio”.

Christine Lagarde, presidente della BCE, ha anche sottolineato che l’istituzione ha agito prontamente quando la prima ondata di COVID-19 ha colpito. Alludendo all’arrivo di un secondo accordo di stimolo, ha detto:

“L’abbiamo fatto in passato: Abbiamo risposto molto prontamente, molto opportunamente, molto pesantemente, alcuni direbbero, alla prima ondata che ha colpito le economie dell’area dell’euro. Lo abbiamo fatto per la prima ondata; lo faremo di nuovo per la seconda”.

BTC ha impedito che si scendesse di più nell’area dei 12.700 dollari

Quando il prezzo del Bitcoin è sceso sotto i 13.000 dollari, gli analisti tecnici hanno detto che BTC rischia di scendere a 12.700 dollari e più bassi.

Il livello di $13.000 ha agito come una forte area di supporto, sostenuta da cluster di balene e in larga misura da ordini. BTC che difende l’area indica che la domanda dei compratori è una pressione di vendita schiacciante, come si è visto nel mercato dei futures.

Il tasso di finanziamento del mercato dei futures Bitcoin è rimasto negativo negli ultimi giorni. Ciò suggerisce che la maggior parte del mercato dei derivati sta apparentemente scommettendo contro BTC.

Tuttavia, la domanda di Bitcoin dal mercato spot sta compensando la pressione di vendita e difendendo BTC da ulteriori ribassi.